Corso di avviamento al match di improvvisazione teatrale

Corso di avviamento al match di improvvisazione teatrale

Un corso per studenti delle superiori e dell’università in collaborazione con ATTOUNO e LIF Lega Improvvisazione Firenze.

Un corso incentrato sull’ascolto dell’altro, sull’accoglienza del diverso, sull’integrazione, sul rispetto delle regole/codici del Match, sullo stimolo sfera sensoriale e delle capacità mnemoniche, sulle capacità di concentrazione e sull’analisi col “terzo occhio”.

Il corso intende promuovere la comunicazione efficace, la padronanza del corpo, la reattività, lo studio del gesto, la capacità logica, la fiducia in sé stessi, le soft skills connesse al training e alla formazione.

Ogni giovedì dalle 15:00 alle ore 16:30 al Teatrino del Gallo, via San Gallo 25R a Firenze.

Il costo della quota di partecipazione è di 50 euro al mese ed è riservato ai soci dell’Associazione Culturale Vittorio Rossi – Libri Liberi (iscrizione annuale di 10 euro).

Per info e prenotazioni inviare una e-mail a prenotazioni@libriliberiofficine.it oppure chiamare al 328 064 6311 (Claudia) o al 338 164 0771 (Nella).

Cos’è IL MATCH DI IMPROVVISAZIONE TEATRALE?

La cornice:
L´ambiente esteriore e scenografico del Match è quello di una partita di hockey su ghiaccio (maglie da gioco, “patinoire” ecc.) sport nazionale canadese. Lo spirito è quello di una competizione artistico/sportiva fra due squadre di giocatori/attori che si contendono la vittoria in 90 minuti di “gioco” divisi in due tempi. Un maestro di cerimonia illustra al pubblico le varie fasi dello spettacolo, un musicista scalda la platea e fa
salire la tensione sul palco, un inflessibile arbitro garantisce la qualità e la correttezza dell´incontro.

Lo spettacolo:
Dopo il “riscaldamento” pubblico, la presentazione dei giocatori e l´intonazione dell´inno ufficiale (pubblico in piedi e mano sul cuore), un fischio di sirena segna l´inizio dell´incontro. L´arbitro estrae a sorte di volta in volta un cartoncino, che legge ad alta voce, con le seguenti indicazioni:
• Tipo di improvvisazione: ciò comparata se le squadre dovranno
improvvisare in successione, o mista se dovranno improvvisare insieme.
• Titolo dell´improvvisazione: rigorosamente sconosciuto ai giocatori ed
eventualmente proposto anche dal pubblico mediante cartoncini
distribuiti in sala.
• Numero dei giocatori: illimitato o imposto (ad esempio uno per
squadra, due donne dei “rossi” e due uomini dei “blu” ecc.).
• Categoria dell´improvvisazione: cioè lo stile che può essere libero oppure cantato, in rima, senza parole o ancora alla maniera di Goldoni, Shakespeare, Spielberg, Fellini, De Amicis, Manzoni o anche delle soap opera, dei cartoni animati giapponesi…
• Durata dell´improvvisazione: da 30 secondi a 20 minuti.

Dopo la lettura del tema le squadre hanno soltanto 20 secondi di tempo per trovare un´idea di partenza e lanciarsi nella “mischia”. Alla fine di ogni improvvisazione l´arbitro può segnalare dei “falli”, vale a dire degli errori di tecnica teatrale (ad esempio: fuori tema, mancanza d´ascolto, cliché…) ed i capitani delle squadre possono chiedere spiegazioni creando un ulteriore momento di spettacolo.Il pubblico:
È in fondo il vero protagonista della serata: è infatti lui che suggerisce dei temi all’arbitro, che vota dopo ogni improvvisazione per l´una o per l´altra squadra per mezzo di un cartoncino bicolore determinando l´andamento del match e che può addirittura esprimere il proprio dissenso lanciando una ciabatta che gli viene fornita all´ingresso. Il match è uno spettacolo dove vengono esaltate la creatività, la fantasia e la prontezza di spirito di artisti che sulla scena sono allo stesso tempo e nel medesimo istante attori/autori/registi e la concreta partecipazione del pubblico che assisterà ogni volta ad una serata completamente diversa e ovviamente irripetibile.

Rispondi